SIMEST - Società Italiana per le Imprese all'Estero 

 

Istituita come società per azioni nel 1990 (Legge nO 100 del 24.4.1990), la SIMEST è controllata dal Governo Italiano che ne detiene il 76% del pacchetto azionario, ed è partecipata da banche, associazioni imprenditoriali e di categoria. 

La SIMEST è stata creata per promuovere il processo di internazionalizzazione delle imprese italiane ed assistere gli imprenditori nelle loro attività all'estero e pertanto: 

 

• per gli investimenti all'estero
sottoscrive fino al 25% del capitale delle società estere partecipate da imprese italiane; agevola il finanziamento di quote sottoscritte dal partner italiano in società o imprese all'estero; gestisce fondi di Venture Capital;

 

• per gli scambi commerciali 
agevola crediti all'esportazione; finanzia studi di prefattibilità, fattibilità e programmi di assistenza tecnica; finanzia programmi di penetrazione commerciale; finanzia spese di partecipazione a gare internazionali. 

SIMEST inoltre fornisce servizi di assistenza e consulenza per tutte le fasi dell'avvio e della realizzazione di investimenti all'estero. 

 

I prodotti che SIMEST offre alle imprese sono:

 

• PARTECIPAZIONI NEL CAPITALE SOCIALE DI Ii"1PRESE COSTITUITE ALL'ESTERO, (L.100/90): scopo dello strumento è quello di condividere con l'impresa italiana investitrice il rischio potenziale derivante dalla partecipazione al capitale di rischio di una impresa all'estero.

La quota massima di partecipazione di SIMEST è del 25%, per la durata massima di 8 anni, periodo entro cui viene concordato il riacquisto da parte dei soci italiani. 

 

• CONTRIBUTI AGLI INTERESSI A FRONTE DI FINANZIAMENTI CONCESSI ALL'IMPRESA ITALIANA PER LA PARTECIPAZIONE AL CAPITALE DI IMPRESE AL DI FUORI DELL'U.E. (L.l00/90 ART, 4): l'agevolazione ha lo scopo di favorire la costituzione o l'acquisto di quote di capitale di rischio di imprese in paesi al di fuori dell'Unione Europea da parte di imprese italiane, già partecipate dalla SIMEST (tale strumento è quindi complementare alla partecipazione di SIMEST al capitale di rischio di imprese estere). 

Lo strumento agevolativo è quello del contributo agli interessi a fronte di un finanziamento erogato per la realizzazione delle operazioni di acquisto. 

 

• FONDI DI VENTURE CAPITAL: lo scopo è supportare l'investimento in aree geografiche strategiche per l'Italia, con un intervento che si aggiunge alla normale quota di partecipazione di SIr"lEST all'acquisto di quote di capitale di rischio, 

Il metodo è quello di un fondo rotativo e costituisce un ulteriore incentivo per investitori italiani che vogliano acquisire quote di capitale di rischio in imprese dislocate in aree considerate strategiche per il sistema-Italia (v. "Linee Guida dell'attività promozionale 2008-2010" elaborate dal Ministero per il Commercio con l'Estero).

 

• FINANZIAMENTI AGEVOLATI DI SPESE PER LA REALIZZAZIONE DI STUDI DI PREFATTIBILITÀ, FATTIBILITÀ E PROGRAMMI DI ASSISTENZA TECNICA (ART. 22, COMMA 5, D. LGS. 143/98): Lo scopo è finanziare le spese relative a studi di prefattibilità e fattibilità connesse all'aggiudicazione di commesse o all'avvio di programmi di investimento o esportazioni in paesi non appartenenti all'Unione Europea. 

Sono sostenuti con finanziamenti agevolati anche interventi nell'ambito di programmi di assistenza tecnica collegati alle esportazioni o a programmi di investimento di imprese italiane all'estero, 

 

• FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER PROGRAMi"lI DI PENETRAZIONE COMMERCIALE ALL'ESTERO 

(L.394/81): lo scopo di questo strumento è favorire la presenza stabile e qualificata di imprese italiane in un paese non appartenente alla Unione Europea mediante la costituzione di una struttura permanente e la realizzazione di attività di supporto promozionale.

Il supporto avviene mediante finanziamento agevolato della durata massima di 7 anni ad un tasso di interesse agevolato.

 

• FINANZIAMENTI AGEVOLATI DI SPESE PER LA PARTECIPAZIONE A GARE INTERNAZIONALI (L.304/90): obiettivo dello strumento è facilitare la partecipazione di imprese italiane a gare internazionali indette in paesi non appartenenti all'Unione Europea, attraverso il finanziamento agevolato delle spese sostenute, erogato dietro presentazione di garanzie, 

 

• AGEVOLAZIONI DI CREDITI ALL'ESPORTAZIONE (D. LGS 143/98 GIÀ LEGGE 227/77): la finalità è quella di consentire alle imprese esportatrici italiane di offrire dilazioni di pagamento di medio/lungo periodo a condizioni e tassi d'interesse competitivi, attraverso il contributo agli interessi su finanziamenti concessi da banche italiane o estere. Le forme più frequenti di finanziamento sono lo sconto di titoli di credito e il finanziamento diretto all'esportatore a fronte del credito concesso da questo al cliente estero.

NEWS
01.02.17

studio Legale Occhipinti meeting su processi di ristrutturazione per catene di franchising nel...

01.02.17

studio Legale Occhipinti forum con operatori su progetti di sviluppo nel settore alimentare

01.02.17

partecipazione ad incontro scientifico di predisposizione programma economico triennio 2017-2020 in...

01.02.17

manifestazione Nazionale Dottori commercialisti


 
Andrea de Bertoldi
Trento - via Gocciadoro, 4 - Tel. +39 0461 916815 - Fax +39 0461 916427 - P.Iva 01265090223
Roma - via Santissimi Apostoli, 66 - Studio prof. avv. Maurizio Leo
Cles - via del Canalone, 4 - Tel. +39 0463 424024

Credits